Aggiungi un posto a tavola

Roma, famiglia di 4 persone. Moglie e marito impiegati, due figlie adoloscenti.
Tutto normale se non fosse che, a seguito di una ricerca, sono venuti a conoscenza delle proprie abitudini in fatto di spesa alimentare, scoprendo che buttavano un chilo di cibo a settimana.
La loro e’ una delle 400 famiglie che ha riportato su un diario le quantita’ di alimenti acquistati in una settimana e i relativi sprechi alla fine dei 7 giorni. E’ cosi’ che sono venuti a conoscenza del dato.
“Facevamo la spesa una volta alla settimana – ha dichiarato la signora – visto che lavoriamo sia io, sia mio marito. Accumulavamo prodotti deperibili pensando che ci sarebbero potuti servire entro pochi giorni, ma sbagliavamo le quantità e spesso restava qualcosa nel piatto. Senza parlare dei cibi che restavano in frigo fino alla scadenza.
Senza fare facile ironia, e’ chiaro che siamo abbastanza lontani dalla famiglia modello della Mulino Bianco, dove questo rischio non esiste, in quanto tutto si produce e nulla si compra.
Ma l’immaginazione della Barilla e’ un cliche’ ideale; nessuno vive con Rosita in casa, ne’ tantomeno ci parla.
La realta’ e’ come sempre diversa da come ce la immaginiamo: provate ad aprire il frigo di casa vostra, e vedete se in effetti non avanza qualcosa anche a voi.
Le maxi offerte e il bisogno di vedere i ripiani sempre pieni, ci hanno portato ad accumulare senza chiederci prima di cosa avessimo realmente bisogno. E’ un meccanismo inconscio, specie nelle grandi famiglie.
Piu’ siamo, piu’ spendiamo. Ma anche piu’ sprechiamo.
Se (altro ideale) comprassimo veramente solo cio’ che ci serve, sarebbe tutta un’altra storia: anch’essa una favola, ma piu’ stimolante.
Basterebbe annotarsi cosa ci manca e comprare di volta in volta, senza la paura che i negozi chiudano tutti insieme contemporanemente ci assalga.
Queste cose sono prevedibili per gli scioperi contro il governo, mica contro i clienti.
Per noi, le porte sono sempre aperte. Anche quando rompiamo le acque (e non solo). Vero, Conad?

SÌ al volo

Papa Francesco sorprende sempre tutti. Perfino chi va a chiedergli semplicemente una benedizione, e invece si ritrova sposato tempo niente.
Questo e’ proprio quello che e’ accaduto a una hostess e uno steward in servizio nel volo papale verso il Cile.
I due giovani si sono avvicinati al Pontefice per scattarsi un selfie, e chiacchierando ne e’ venuto fuori che avrebbero voluto sposarsi in futuro.
Il candido Francesco, pur di non lasciarsi sfuggire il colpaccio, ha pensato di mettere subito le cose in chiaro: sai com’e’, di questi tempi e’ un attimo ritrovarsi single per scelta, del prossimo.
Cosi’ ha preso e ha celebrato il matrimonio in alta quota, tanto di bianco vestito gia’ qualcuno c’era.
Prima pero’ si e’ accertato se “fossero sicuri”: mica poteva rischiare di fare un torto al superiore giusto nel regno dei cieli.
La cosa figa di tutto cio’ e’ che Francesco non ha avuto bisogno di alcuna autorizzazione per convalidare il sacro vincolo: e’ bastato un foglio, la sua firma e qualche latinorum qua e la’. Altro che mesi e mesi di corso prematrimoniale, scelta degli abiti e regalo ai testimoni.

L’unica nota dolente e’ stato il ricevimento: il Pontefice avra’ gradito biscottini e brioscine confezionate come pranzo nuziale?
In fondo, non e’ poi cosi’ importante. Almeno non quanto le parole a fine cerimonia del Papa: “Il matrimonio e’ come gli anelli: se sono troppo stretti sono una tortura, se troppo larghi si perdono”. Capito sposini a fisarmonica?
Massime francescane sugli orafi a parte, ormai fra matrimoni nei cieli e parti alla Conad c’e’ giusto un po’ di confusione su cosa aspettarsi: magari inventeranno le lauree nei centri commerciali (tanto per fare un po’ di tirocinio dietro le casse) e i funerali all’Ikea (letto a soppalco: crepi in due, paghi uno).
Chi lo sa.
Come diceva San Gabbani “elaboriamo il lutto con un Amen”.
Amen ????????

error

Ti piace il mio blog? Fallo sapere anche agli altri :)