Bacio alla francese

Parigi, la citta’ dell’amore.
E’ quello che deve aver pensato anche Juliana Corrales, una ragazza di 18 anni della California in gita scolastica in Francia. Prima di partire si era ripromessa di “non tornare a casa se non avessi baciato qualcuno sulla Tour Eiffel”.
Detto, fatto.
Proprio in cima alla torre piu’ romantica del mondo, ha incontrato un ragazzo e gli ha chiesto un tenero bacio, raccontandogli della scommessa fatta con le amiche.
Lui ha accettato, e cosi’ Juliana ha coronato il suo desiderio: sarebbe stato il rimpianto piu’ grande della sua vita, aveva detto alle amiche.
Subito dopo i due si presentano, ma presa dalla foga del momento la ragazza dimentica di chiedergli un contatto. E’ cosi’ che la storia fa il giro del web: lei pensa di aver trovato l’amore della sua vita, il vero colpo di fulmine, e chiede aiuto ai social per ritrovare il suo Gavin. Il popolo di Internet raccoglie l’appello e rintraccia il giovane in Texas.
Lieto fine, storia da mille e una chat?
Purtroppo no!
Gavin e’ gia’ fidanzato. Ma Juliana l’ha presa con filosofia: ha ringraziato tutti e ha detto di non disturbarlo ulteriormente. Quello che non si sa e’ come l’abbia presa la sua ragazza: magari lo sta cercando anche lei, ma per altri motivi.
A margine di questa storia viene lecito pensare quanto sia bello l’amore spontaneo, quello che nasce senza troppi problemi, libero e sfacciato, quello che sboccia durante una gita o quello innescato da un incrocio di sguardi in centro: magari dura anche poco, ma di sicuro ha un gusto intenso. E vale la pena rischiare.
Sapete cosa ha fatto la mamma di Gavin? Ha chiesto a Juliana di baciarlo di nuovo, in modo da potergli scattare una foto insieme. Lei si che ha capito come funziona.
Buttatevi: meglio rischiare di prendersi un no secco, che rischiare di lasciarsi sfuggire un si indimenticabile.
Com’era? Parigi val bene una (scom)messa.
Puntate!

Seguimi:
error0